venerdì 28 gennaio 2011

[Recensione: Che la Festa Cominci] Ma che diav....?!

Questo è il secondo libro di Ammaniti che leggo e, devo ammettere che l'ho trovato davvero bello.
Solo mi chiedo....Ammaniti ha una mente così malata? Dio santo stavo morendo! XD
Va bene l'inno dell'eterno consumismo (e menefreghismo) dei ricconi ma fare una festa così è da pazzi anche per un pazzo!
Tutto per far vedere al mondo intero che Sasà Chiatti anche se è nato in una famiglia di poveri pirla, dove il padre si fa il culo al lavoro tutti i giorni e la mamma è ignorante, è riuscito a sfondare nel mondo degli affari e fare un pacco di soldi. Buon per lui che si è trovato realizzato, ma doveva sentirsi parecchio solo se ha fatto 'sta follia. Tutto per cosa? Far vedere ad un branco di puttanelle e a qualche ragazzetto figlio di papà che lui è uno con le palle? Mah...
C'è di buono che in questa baraonda senza senso (la festa) ci sono anche quattro sfigati che rendono possibile la vita della setta satanica "Le Belve di Abaddon". Murder, Silvietta, Zombie e Mantos (il capo). Perché sono lì? Semplice, devono sacrificare a Satana la cantante Larita, ora tutta "casa e chiesa", ex membro di un gruppo metal o qualcosa di simile.
Mah, che dire. Simpatico, molto direi. Una o due volte ho pianto dalle risate, interrompendo la lettura per qualche minuto, perché certe cose facevano davvero ridere.
Poi...ti affezioni ad un personaggio e Ammaniti che fa? Gli fa compiere un atto suicida. -.-
Dopodiché ti viene una gran voglia di urlare "VAFFANC**O!!!!".
Per concludere.. Nella sua comicità questo libro ha una tragedia notevole. E se poi a conti fatti si pensa che un pochino di verità in questa tragi-commedia ce la troviamo davanti tutti i santi giorni, signori lettori, tutto il libro rimane permeato da una sensazione di schifo totale.
Sto ancora cercando di capire se dare a questo libro 5 stelle piene o 4 stelline e mezza. Boh. XD

2 commenti:

  1. Ciao cara! Ti ho invitato a partecipare a un piccolo MEME libresco..è un piccolo questionario molto simpatico...se ti va passa da me qui: http://unafragolaalgiorno.blogspot.com/2011/01/meme-2010.html

    RispondiElimina
  2. Io ho adorato questo libro ... che poi è pure l'unico di Ammaniti che ho letto, ma vabbé ^^
    Quoto una frase:

    << Per concludere.. Nella sua comicità questo libro ha una tragedia notevole. E se poi a conti fatti si pensa che un pochino di verità in questa tragi-commedia ce la troviamo davanti tutti i santi giorni, signori lettori, tutto il libro rimane permeato da una sensazione di schifo totale.>>

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...